ph. Cristina Finotto

LA  ROVRA
768gg dopo

Sabato 1  agosto  2015   ore 18,30

 

Ca’ Cornera, dove il Po si fa cultura
Associazione Culturale

In collaborazione con:

*REM Ricerca Esperienza Memoria

Periodico Culturale Pensato E Scritto Tra L’Adige e Il Po

*GruppoAMICI DELLA QUERCIA

 

Riflessioni e aggiornamenti dopo 768 giorni sullo stato di abbandono  di ciò che resta della nostra Rovra.

Martedì 25 giugno 2013  la quercia di San Basilio è caduta, il Delta del Po ha perso così il suo monumento ambientale più importante. La quercia, con i suoi 500 anni, era considerata la pianta più vecchia della provincia di Rovigo. La “Rovra”, così la chiamavano nel Delta, era un esemplare di Quercus  Robur L. la cui presenza è citata in un documento del 1548.“La Rovra” è stata testimone silenziosa delle leggende e degli eventi legati al grande fiume che hanno condizionato la vita del territorio. Era legata ad un sito archeologico particolarmente importante ed antico (San Basilio) indice di quanto vitale e ricca fosse questa zona. Aveva superato le alluvioni, i cambiamenti del clima, gli attacchi dei parassiti e stava ancora lottando contro gli effetti devastanti provocati da un fulmine.E’ stata risparmiata dalle guerre, dalle crisi economiche, dai cambiamenti sociali e dalla non meno pericolosa rettifica dell’argine operata per limitare il rischio idraulico.La quercia aveva la circonferenza del tronco di 6,30 metri, la sua altezza raggiungeva circa 26 metri e la chioma, anche se irregolare in alcuni punti, aveva un diametro di 19 metri.

Francesco Beltrame
La sfida degli AMICI DELLA QUERCIA: “Conservare la memoria di chi conservava la memoria”.

Luana Milan
Lettura del testo inedito, composto per l’occasione “Canto alla  Rovra” di Cristina Finotto.

Paolo Spinello
REM  e “La quercia di San Basilio” citazioni da  www.remweb.it

Gianpaolo Gasparetto
Conclusione della mostra fotografica, presso i rustici di Ca’ Cornera,“Prima della poesia” di Cristina Finotto.
Intensi scatti in bianco e nero, come del resto la foto che accompagna il presente comunicato, con  immagini per lo più di paesaggio che, inseguendo i fantasmi degli affetti e dei sogni, trasformano il volto del mondo in poesia.

 

Possiamo fare tutte le scoperte possibili, usare la tecnica, la scienza, possiamo andare sulla luna e comunicare via satellite, ma alla base della nostra sopravvivenza fisica, psichica e spirituale vi sono i nostri alberi, le nostre erbe, i nostri animali, le nostre acque, il suolo del luogo in cui noi viviamo…

 

 

Per chi desiderasse cenare presso l’Osteria di Ca’ Cornera telefonare al 342 7518571.-

Informativa cookie:
Sul nostro sito cacornerdeltapo.it utilizziamo i cookie.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente acconsente all'uso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi