"Qualcuno mi insegue"
Roberto Pazzi

ed. Frassinelli, 2007

20071006 Qualcuno mi insegue - Copertina libro

nell'ambito della rassegna
logo Pagine sul Po

Sabato 6 ottobre 2007

dalle ore 19.00
nei rustici, a tavola

PAOLA BASSANI  e  SERGIO GARBATO
ne parleranno con l’autore

Uno scrittore, a passeggio ozioso per Roma, s’imbatte nella vetrina di una libreria dove è esposta, con tanto di foto in copertina, una sua autobiografia, da lui mai scritta. Fra la curiosità e lo sgomento s’impossessa del libro e si getta febbrilmente a leggere, nella quiete di Villa Borghese. Ma chi sarà l’autore misterioso di questo scherzo di cattivo gusto? Chi si è permesso di prendere il suo posto, tramando il racconto della sua esistenza come si fosse già conclusa? Affascinato eppure tremante all’idea che l’ultima pagina possa rivelargli il segreto della fine, viene raggiunto da una donna che gli si siede accanto. Colei che sembra conoscere troppe cose di lui lo distrarrà dalla sua ossessione e lo costringerà a chiudere il libro. L’amore che esploderà fra i due, mentre svelerà la straordinaria identità di lei, aiuterà lui a chiarire il senso di quello che ha cercato per tutta la vita. In questo nuovo romanzo, l’autore di Vangelo di Giuda e Conclave, memore della lezione di Borghes e di Saramago, offre un’eccelsa metafora della scrittura e insieme una struggente storia d’amore. Inquietante e coinvolgente, sincero e appassionato. Qualcuno mi insegue è forse l’opera più avvincente e generosa della maturità di Roberto Pazzi.


RECENSIONI DEL ROMANZO:

"Pazzi ha il talento di Calvino, ed è ancora più divertente."
Publisher’s Weekly

"Roberto Pazzi ha la stoffa del grande narratore."
L’Express

"Pazzi sa dare vita ad allegorie fantasiose che ricordano al lettore la magia e la forza immaginifica di Calvino."
The New York Times

"Uno scrittore onnivoro ed entusiasta, pronto sia a evadere verso il fantastico che a interrogare i grovigli della storia, quella più lontana e quella più vicina."
Giulio Ferroni

"Soltanto le nicchie vuote, gli spazi d’ombra e di mistero sono riempiti da Roberto Pazzi con le sue invenzioni sottili, sature di simboli e di idee. Esse possiedono una misura sapiente di fascino storico, di profetismo e di sacralità."
Carlo Sgorlon


Informativa cookie:
Sul nostro sito cacornerdeltapo.it utilizziamo i cookie.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente acconsente all'uso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi