Gustavo Foppiani

Gustavo Foppiani (Udine 1925 - Piacenza 1986)Nasce a Udine da madre cremonese e padre piacentino, allora tecnico ferroviario nel capoluogo friulano. La famiglia si trasferisce nel 1930 a Piacenza e in questa città è dal 1946 al 1949 allievo prediletto di Umberto Concerti all’Istituto Gazzola, ma risente anche del clima di rinnovamento in direzione ironica e favolistica che si andava sviluppando attorno allo studio di Luciano Spazzali. La definitiva conquista di uno stile proprio avvenne a breve distanza di tempo, all’inizio degli anni Cinquanta, quando il pittore stabilisce con la Galleria romana L’Obelisco legami stabili durati fino al 1969. Foppiani acquisisce allora una notorietà internazionale, tanto che viene anche sollecitato a trasferirsi in luoghi più centrali per le vicende dell’arte, ma egli, che negli anni Settanta lavora con la Galleria Forni di Bologna e in seguito con Philippe Guimiot di Bruxelles, non vuole allontanarsi definitivamente dalla sua Piacenza, dove muore il 5 agosto 1986, persuaso che dall’ humus antico e popolare della sua terra avrebbe potuto trarre continuo e fondamentale alimento. Nel piacentino attorno a lui è cresciuta una tendenza pittorica, ancora oggi ben presente, con echi metafisici e surrealisti, che viene identificata come "Scuola di Piacenza".

Ha frequentato Ca' Cornera per

Informativa cookie:
Sul nostro sito cacornerdeltapo.it utilizziamo i cookie.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente acconsente all'uso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi