SERGIO ZANNI
viaggiatori, viandanti ed equilibristi

a cura di Laura Gavioli

20081122 Sergio Zanni - image001 20081122 Sergio Zanni - image002

nel granaio
dal 22 novembre al 14 dicembre 2008

Inaugurazione sabato 22 novembre 2008, ore 18.30

dialogo di ALBERTO TRIOLO, il senso del viaggio
stimolanti riflessioni di un filosofo sulla metafora del viaggio:
. è un partire verso l'altro...
. è anche tornare, ai propri luoghi e infine a se stessi.


ore 20 cena con i sapori del Delta, euro venticinque a persona
è gradita la prenotazione entro venerdì

20081122 Sergio Zanni - image003Potrebbero essere viaggiatori ormai dispersi e senza meta che portano nella memoria qualcosa di già visto e che potrebbe riapparire, proprio qui a Ca’ Cornera dove hanno deciso di interrompere il cammino, accanto al fiume dove le cose appaiono di tanto in tanto, e bisogna stare attenti perché dopo un attimo non si vedono più, e bisognerebbe ricominciare a camminare.

Forse nell’aria che pesa dappertutto, qualcosa è veramente apparso, così i viandanti si sono fermati e hanno scelto il luogo nella speranza che presto l’apparizione si sarebbe ripetuta e loro, lì, fermi come nuovi punti cardinali, l’avrebbero indicata ad altri. Ca’ Cornera è in realtà una locanda, anch’essa dispersa lungo l’orizzonte, che ospita per qualche tempo questi viaggiatori, prima che si stabiliscano altrove.

Quello di Zanni è un viaggio a occhi spalancati. L’artista è appassionato nel plasmare la terracotta fin nel minimo dettaglio, occhi attenti al presente senza il rifiuto esacerbato della rinuncia e con la presenza costante di una malinconia sottile e padana anch’essa.

20081122 Sergio Zanni - image005E dopo i viandanti ecco gli equilibristi: figure in equilibrio una sull’altra, figure a braccia distese che scorrono su fili sospesi, sospesi sopra altri fili che seguono altri fili da direzioni differenti.

E’ forse questo il lavoro di Sergio Zanni che ci riporta maggiormente a un senso di attesa esistenziale, a una considerazione sulla fragilità dell’uomo che si arrangia come può. A piccoli passi, precisi per non precipitare, eretti nel tentativo di non sbagliare dove l’errore può essere definitivo. Un passo dopo l’altro, posando il tallone dinanzi alla punta del piede per poi ricominciare allo stesso modo. Sul filo dell’esistenza, attimo dopo attimo, dove un istante vale la totalità di quello che lo seguirà nell’avventura più grande, quella che non ha confini, sempre immaginata. Oltre la finestra, fuori dalla casa, oltre la pianura.

 

 

Sergio Zanni
viaggiatori, viandanti ed equilibristi
dal 22 novembre al 14 dicembre 2008
nel granaio
dalle 10,00 alle 19,00 escluso il lunedì
ingresso libero - catalogo in mostra


Informativa cookie:
Sul nostro sito cacornerdeltapo.it utilizziamo i cookie.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente acconsente all'uso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi